venerdì 18 aprile 2014

Week end a Bari

Non possiamo esimerci dal suggerire un week end a Bari all'insegna, oltre che dell'ottimo pesce (crudo) e dei frutti di mare, della #cultura con la C!
Magari proprio un week end a Bari in occasione della invasione organizzata da Associazione AkuBari, Associazione ArTa, Pugliaccessibile e Living Heritage, e che si svolgerà domenica 27 aprile a partire dalle ore 10.30 nella città vecchia di Bari.
L’itinerario comprenderà la visita al succorpo della Cattedrale di San Sabino e al Museo Diocesano, allestito presso il primo piano dell’Episcopio.
Punto di partenza dell’invasione è Piazza Odegitria (la piazzetta antistante la cattedrale) alle ore 10.15.

Link ufficiale dell'invasione: http://www.invasionidigitali.it/it/invasionedigitale/museo-diocesano-e-succorpo-della-cattedrale-bari#.U1E966JqmCY
Link dell'evento su facebook: https://www.facebook.com/events/243908065815077/?context=create&ref_dashboard_filter=upcoming&source=49 
Non vi è ancora venuta voglia? Beccatevi queste due pillole di storia e di arte per stuzzicare il vostro appetito di Invasori Digitali!
Prima pillola: videoclip dall'anno Mille!
L’inno tecnicamente noto come Exultet era cantato dal diacono all’inizio della veglia pasquale ed annunciava la resurrezione di Cristo, invitando all’esultanza tutte le creature. 
Un prezioso rotolo di pergamena di oltre cinque metri, esposto nel Museo diocesano, ne conserva una versione "barese" che si discosta in molte parti dal testo canonico del messale romano.
La "baresità" sta anche nei caratteri tipografici (peculiari a tal punto da far parlare di un "Bari-type"), nelle notazioni musicali, nelle decorazioni laterali influenzate dalla cultura iconografica bizantina e nell’utilizzo di immagini uniche poichè miniate in posizione capovolta rispetto alle righe del testo: una specie di pellicola cinematografica che il diacono srotolava di fronte ai fedeli presenti in chiesa, in modo che le immagini li aiutassero a capire il testo latino.
Seconda pillola: il polpo, da sempre nel cuore di ogni barese timorato degli dei! 
Quel polpo è solo un dettaglio del grande mosaico pavimentale della cattedrale paleocristiana di Bari, i cui resti, sotto l'attuale Cattedrale di San Sabino vorremmo visitare insieme a voi!

Non dimenticate di utilizzare gli hasthag: #luoghiculturapuglia e #cultureplacepuglia per partecipare al challenge "I luoghi della cultura in Puglia!

Nessun commento :